22
Dic

L’aria si fa più frizzante, c’è un profumo diverso tra le montagne, i colori della montagna si affievoliscono, tutto si ferma, un silenzio magico avvisa che sta per nevicare. Quando arrivano i primi fiocchi di neve il primo pensiero per un alpinista è scendere in cantina e controllare gli “attrezzi del mestiere”.

Ancor prima di accendere la luce della stanza dove sono riposti gli sci, si entra in un mondo famigliare, magico, l’odore della sciolina, annuncia che tutto è pronto per essere portato sulla neve. Le punzonature del “Sellaronda Skimarathon” sugli sci e sulle altre attrezzature ci riportano indietro con i ricordi.

Quanta fatica, migliaia di metri di dislivello per tagliare il traguardo del Sellaronda ad essere sicuri di essere ad un passo dal paradiso. I pensieri volano lungo il tracciato di 42 chilometri con 2700metri di dislivello positivo che sviluppa nel consorzio sciistico più grande al mondo del Dolomiti Superski e che percorre le famose piste che abbracciano il gruppo del Sella conquistando i passi dolomitici del Sella, del Gardena, del Campolongo e del Pordoi.

Continua a leggere su SELLARONDA SKIMARATHON

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.